AISDET

L’interoperabilità delle soluzioni di telemedicina

Come arrivare a una vera interoperabilità, nel rispetto della sicurezza degli utenti? Ne abbiamo discusso con Carena (ASL CN1) e Luzzi (Università di Brescia, AiSDeT)

Governo e integrazione del flusso dei dati di telemonitoraggio nell’ecosistema digitale della Telemedicina

L’incontro è promosso da AiSDeT, con il patrocinio dell’Università di Brescia, dell’Associazione Italiana Ingegneri Clinici e dell’Associazione Ingegneri Gestionali in Sanità

Giurdanella (Fnopi): “L’infermiere al centro della sanità digitale”

L'infermiere di famiglia e di comunità può diventare il collante della sanità digitale, come attivatore di rete e case manager dell’intero processo, per scongiurare il rischio della frammentazione

Un documento condiviso per la telemedicina in Italia

Sedici società scientifiche e sanitarie presentano un documento condiviso sulla telemedicina e chiedono un tavolo di lavoro con Ministero della Salute e Agenas. Il documento

Lavorgna (Sin): “Telemedicina, serve una rivoluzione”

La rivoluzione culturale deve partire dai medici. Così Luigi Lavorgna, responsabile del gruppo Digital della Società Italiana di Neurologia (Sin) che il 24 maggio presenterà insieme ad altre 15 società scientifiche e sanitarie il primo documento condiviso sulla telemedicina

Governo clinico dell’innovazione: i Pdta digitali

È uno dei punti cardine del documento condiviso da ben 16 società scientifiche e sanitarie in materia di telemedicina che sarà presentato a Roma il 24 maggio. Ne parliamo con Sergio Pillon, vice presidente AiSDeT

Società scientifiche e sanitarie in campo per la telemedicina

Sedici società scientifiche e sanitarie al lavoro su un documento che ha l’obiettivo di affiancare fattivamente e in modo cooperativo il generale processo di costruzione dell’ecosistema digitale della sanità

Se il certificato va stampato: paradossi della telemedicina

In base alla legge vigente, il certificato di malattia, telematico se la visita è in presenza, dovrebbe invece essere stampato e inviato per raccomandata quando la visita è una televisita. L'AiSDeT lo segnala al Ministro

Donne, motore della digitalizzazione in sanità

Report OMS: le donne usano meno i servizi digitali, ma più spesso degli uomini lo fanno per accedere alle informazioni relative alla salute. Il punto centrale è l'equità. Ne abbiamo discusso con Sergio Pillon, vice presidente Associazione italiana Sanità digitale e Telemedicina (AiSDeT), facendo il punto anche sulla situazione in Italia